Rev. Andrew Small, OMI FONDATORE E AMMINISTRATORE DELEGATO (NEW YORK, USA)
TwitterLinkedInFacebook

Per comprendere Papa Francesco, si potrebbe fare bene per cominciare con il suo motto papale, Miserando atque eligendo (“avere misericordia e scegliere”), che è preso in prestito da un commento sui Vangeli, in particolare, la storia di Gesù che chiama Matteo, il esattore delle tasse, ad essere suo discepolo.

Padre. Piccolo saluta Papa Francesco nel 2015

Matthew era un professionista finanziario del suo tempo. Mentre era ebreo, operò nell’ambiente dell’Impero Romano conquistatore nella riscossione delle tasse dal popolo. Matthew avrebbe potuto convincersi che stava svolgendo un prezioso servizio finanziario per la sua comunità. Ma Gesù stesso non si tira indietro dal chiamare Matteo un “peccatore”. Il comando di Gesù a Matteo di “seguirlo” era scandaloso proprio perché gli esattori delle tasse avevano una reputazione terribile ed erano noti per aver truffato i loro co-religiosi con i loro soldi.

Duemila anni dopo, la professione finanziaria non è tenuta in una maggiore considerazione, e non senza ragione. L’etica è stata sottolineata da organismi di regolamentazione, gruppi commerciali e organizzazioni professionali nel corso degli anni, ma che ancora non ha completamente disabbato gli investitori della nozione che i professionisti della finanza stanno facendo un dollaro libero a loro spese. Sempre più consapevoli del fatto che il loro consulente finanziario di fiducia era prima di tutto un venditore, gli investitori al dettaglio hanno iniziato a spingere per accordi flat-fee, e la regola fiduciaria sembra destinata ad espandersi nel prossimo futuro.

C’è una sana spinta ora a costruire una partnership tra investitore e consulente, e a fare ciò che è giusto all’interno del mondo della finanza per contribuire a costruire la fiducia tra le parti. Non a caso, c’è una spinta simile a fare ciò che è giusto negli investimenti stessi. L’investimento responsabile, ampiamente considerato, è uno sforzo per estendere i principi etici alla decisione stessa di quali investimenti perseguire. Un investimento responsabile può assumere un numero qualsiasi di forme, dagli schermi negativi all’impact investing, ma l’obiettivo è lo stesso: la coerenza tra le proprie convinzioni e il proprio portafoglio, e di conseguenza costruire un rapporto di fiducia tra l’investitore e la società in generale.

Tuttavia, oggi, lo scollamento tra i mercati e l’economia reale non potrebbe essere più pronunciato. Dal 2009, i mercati hanno avuto la loro corsa al tori più lunga della storia, ma i benefici non sono stati condivisi allo stesso modo. Con molte misure di disuguaglianza, la società è regredisca. Bassi tassi d’interesse, mentre potrebbero beneficiare il ricco acquirente di rischio, solo indirettamente beneficiare il dipendente con salario orario con appena abbastanza soldi per pagare il cibo, l’affitto e l’assistenza all’bambino. Con pochissimi asset da registrare come garanzia e con profili di credito rischiosi, i poveri sarebbero fortunati ad avere accesso a prestiti a basso costo o linee di credito. Nel frattempo, guadagnano poco interesse su qualsiasi denaro che riescono a risparmiare.

Ancora oggi, nonostante 40 milioni di persone senza lavoro a causa della pandemia di COVID-19, l’S&P 500 si è rapidamente radunato dai suoi minimi pandemici. Mentre si potrebbe facilmente sostenere che il mercato azionario non è sicuramente l’intera economia, una prospettiva informata dalla fede cristiana troverebbe questa discrepanza grattugiare sulla coscienza. Com’è possibile che coloro che hanno un patrimonio continuino a beneficiare mentre decine di milioni stanno lottando più che mai?

Investire è raramente associato alla giustizia o alla misericordia, e qui sta il problema. Se ogni attività economica è morale, nessun investimento è neutro dal punto di vista del valore. Papa Benedetto ha riassunto l’insegnamento di Papa Giovanni Paolo II sull’argomento in questo modo: “L’investimento ha sempre un significato morale, oltre che economico”. Papa Francesco ha detto così: “Ogni decisione economica significativa presa in una parte del mondo ha ripercussioni ovunque”. La difficoltà di valutare tali impatti non giustifica investimenti non etici, ma sottolinea solo la necessità di una grande onestà e trasparenza da parte delle imprese e, solo come esempio, del prezioso lavoro che molte agenzie di rating ESG stanno attualmente svolgendo.

Francesco spiega che è possibile dirigere la nostra moderna raffinatezza e tecnologia verso un programma di investimento che è intrinsecamente misericordioso. Come Gesù nel Vangelo, anche i professionisti della finanza devono “scegliere e mostrare misericordia”. Miliardi di persone dipendono da un’economia sana, da un sistema finanziario ben funzionante e da una società inclusiva, in altre parole, che fa progredire lo sviluppo umano. Tutti vantaggia quando il nostro sistema finanziario, dall’alto verso il basso, riflette un approccio misericordioso e incentrato sulla persona. Ciò richiede in ultima analisi uno sforzo concertato da parte di tutti i partecipanti al settore per costruire un tale sistema, in una partnership tra professionisti della finanza e parti interessate.

Mulenga Bwalya COUNTRY INVESTMENT MANAGER, MALAWI AND ZAMBIA (LUSAKA, ZAMBIA)
TwitterLinkedInFacebook

I progetti di sviluppo in genere impongono all’investitore di tracciare i termini, sulla base dell’esperienza e degli insegnamenti che traggono iniziative simili in passato. L’esperienza e le best practice globali sono necessarie, naturalmente, per determinare il tipo di finanziamento, la durata del tuo impegno, la strategia di gestione del rischio e il piano di uscita.

Inevitabilmente, tuttavia, si verifica una sfida di natura molto locale. Quando questo accade, i responsabili di progetto locali sono probabilmente i più a conoscenza di cosa fare. Questa potrebbe essere una sfida a causa della perturbazione meteorologica, delle influenze culturali locali o, come è accaduto più di recente, di una pandemia che, sebbene globale, ha avuto ripercussioni uniche in ogni angolo del mondo.

Quando c’è una sfida che l’azienda deve affrontare, la commissione per l’agricoltura SCJ si riunisce per decidere la risposta.

Missio Invest ha offerto sovvenzioni speciali a tutte le sue investizie per aiutare nella crisi del COVID, ma gli invii hanno deciso come utilizzare i fondi. Il comitato SCJ Farms ha discusso su come potrebbero mitigare le perdite che hanno dovuto affrontare dal dover continuare a nutrire i loro polli vivi, perdendo al contempo il reddito delle vendite alle scuole. Il piano che hanno ideato era quello di utilizzare i fondi per investire in più frigoriferi che avrebbero permesso loro di ottenere polli sul mercato a un ritmo più lento. Si è scoperto che erano in grado di vendere i polli ad un prezzo migliore di quello che avevano ottenuto quando li hanno venduti dal vivo.  

Si tratta di un piano di emergenza che richiede il tipo di conoscenza diretta che solo un partner locale può fornire. Un investitore che sta cercando di fornire un cambiamento trasformativo, piuttosto che solo il capitale transazionale, non può aspettarsi di apportare tali modifiche da dietro una scrivania in un centro finanziario urbano lontano.È il processo decisionale che deve essere deciso da coloro che sono sul campo che determina in ultima analisi l’impatto e il successo del progetto.

La Marist Brothers Farm (MBF) di Dedza, Malawi, ha affrontato un altro problema quando la pandemia ha colpito: stavano per portare un raccolto, ma i lavoratori non si presentavano a causa della paura del virus. Per alcuni, c’era uno stigma legato al lavoro agricolo, a causa delle voci locali che bovini, maiali, pollame e altri animali da allevamento erano portatori del coronavirus.Per far parte dei lavoratori di cui avevano bisogno, l’MBF doveva educare la comunità su come si diffonde la malattia, aumentare i salari come incentivo e introdurre due turni.  

Per far parte dei lavoratori di cui avevano bisogno, l’MBF doveva educare la comunità su come si diffonde la malattia, aumentare i salari come incentivo e introdurre due turni.

Riconosciamo a Missio Invest che non possiamo permetterci di cancellare i nostri investimenti per le interruzioni locali o una crisi sanitaria globale. Né una strategia che funziona in un unico luogo necessariamente funziona ovunque. Quindi dobbiamo fare affidamento sui nostri partner locali per aiutare a determinare come risolvere i problemi a testa alta.Allo stesso tempo, lavorare con i partner locali in questo modo è fondamentale per massimizzare l’impatto e portare un cambiamento trasformativo. A nostro modo, quando combiniamo il nostro capitale e la nostra formazione tecnica con la conoscenza degli investimenti di ciò di cui le loro comunità hanno più bisogno, i nostri investono acquisiscono le competenze e le risorse di cui hanno bisogno per essere resilienti a lungo termine.    

Joelle Birge VICE PRESIDENT, LENDING (NEW YORK, USA)
TwitterLinkedInFacebook

Mentre la crisi del COVID ha colpito tutte le aziende, gli “nuntrepreneurs” ad alto impatto nel portafoglio di Missio Invest sembrano aver trovato una finestra di speranza. Il Missio Invest Social Impact Fund (MISIF) ha attualmente 36 aziende agroalimentari in portafoglio, 13 delle quali sono di proprietà di Sisters, e nessuna di queste piccole imprese ha preso in considerazione le operazioni di chiusura. Per molti, infatti, il business è in piena espansione. La metà di tutti i mutuatari attuali ha subito un’interruzione minima e ha scelto di mantenere i programmi di rimborso dei prestiti originali. Tra i nuntrepreneurs, meno di un terzo ha preso l’offerta di Missio Invest per una moratoria di pagamento COVID-19, e un quarto ha anche effettuato pagamenti anticipati sui loro prestiti.

Missio Invest ha scoperto che questo dare e prendere a lungo termine con le parti interessate della comunità è essenziale per la resilienza delle imprese a guida della Chiesa. Gli investimenti gestiscono vari programmi sociali nella loro località – sanità, istruzione, consulenza femminile e sviluppo dei giovani, per esempio – e come tali sono parte integrante delle comunità che servono. Anche se ogni caso è unico, cinque caratteristiche particolari aiutano a isolare gli investimenti da eventi avversi imprevisti:

In tutto il mondo, COVID-19 ha devastato le catene di approvvigionamento globali, interrotto l’accesso ai mercati e gravemente minacciato – o chiuso – molte piccole imprese. Gli effetti sono stati particolarmente devastanti nei mercati emergenti, dove l’assistenza governativa è meno prontamente disponibile e i blocchi a livello nazionale sono più restrittivi a causa dei fragili sistemi sanitari. A maggio, in un’indagine sulle piccole e crescenti imprese nei mercati emergenti, l’Aspen Network of Development Entrepreneurs (ANDE) ha rilevato che il 47% delle imprese intervistate aveva già temporaneamente chiuso le operazioni e un altro 25% prevedeva di farlo. Le imprese di proprietà femminile sono state tra le più colpite.

Missio Invest Presidente, P. Andrew Small, OMI e l’amministratore delegato Keith Polo in visita alla St. Louis Bautain Farm, Ewulu, Nigeria nel mese di agost
o, 2019Copia, Missio Invest

Una di queste storie di successo di proprietà femminile è la Sisters of Saint Louis Bautain Farm (SSLBF) a Ewulu, Delta State, Nigeria. Missio Invest ha emesso alle Suore di St. Louis un prestito di 70.000 dollari nel dicembre 2019 per finanziare l’espansione delle loro imprese esistenti di lavorazione del pollame, della carne suina e della manioca. Nei mesi successivi, le Suore hanno dimostrato la loro capacità di far resistere a una crisi globale.

Alla fine di marzo 2020, il governo nigeriano ha imposto misure di blocco COVID-19 che limitano la circolazione interstatale delle merci e limitano l’importazione di cibo. Queste norme hanno interrotto le catene di approvvigionamento per alimenti come il pesce, che non potevano più essere trasportati dai porti marittimi agli Stati dell’entroterra. A peggiorare la situazione, Delta State è stato uno dei diversi governi statali che hanno imposto restrizioni alle attività di pesca locali e ridotto le ore per i mercati locali. Il risultato fu un calo dell’offerta in modo che il pesce, un alimento base per molti nigeriani, diventasse proibitivo per la grande popolazione a basso reddito.

Suor Catherine Adelegan, direttrice della Louis Bautain Farm, ha avuto un’idea per una soluzione. Louis-Bautain Farm è un’azienda agroalimentare multi-enterprise, che opera un’unità di pollame con oltre 1.000 polli, un’unità di piantagione e lavorazione di manioca di cinque acri e un’unità di piggery con oltre 500 maiali.Dopo aver fornito una scorta sufficiente di farina di maiale e pollo a livello locale prima della pandemia, la sorella Catherine macellava e vendeva i suoi maiali prima del previsto, salvando dalla fame i membri più vulnerabili della sua comunità. Il risultato fu un vantaggio per tutti: i membri della comunità avevano accesso a proteine a prezzi accessibili, Louis Bautain Farm aveva un reddito per sostenere le cinque strutture sanitarie della congregazione, e suor Catherine aveva abbastanza entrate in eccesso per pagare gli interessi sul suo prestito Missio Invest prima del previsto. Anticipando saggiamente il potenziale per future fluttuazioni valutarie, ha anche scelto di pagare più dell’importo dovuto, con conseguente pre-pagamento del capitale.

Le Suore hanno sviluppato stretti legami con la comunità circostante. Recentemente, quando visitarono l’Obi locale (governatore) della Terra di Ewulu e il suo Consiglio per dire loro che avevano prodotti alimentari da distribuire ai più bisognosi, l’Obi espresse la sua gratitudine per la lunga storia delle Suore nell’assistere il suo popolo e giurò che avrebbe continuato a sostenerli e a garantire la loro sicurezza.

Sorella Catherine SSL prevede di aggiornare i macchinari agric
oli. Copyright, Missio Invest

Questi fattori hanno permesso a molte delle aziende agroalimentari del portafoglio di Missio Invest di resistere alla tempesta COVID-1 9. Investees come suor Catherine e la sua fattoria in Nigeria forniscono la prova vivente che, anche in tempi di crisi, è possibile fare molto bene con pochissimo.

Albertina Muema COUNTRY INVESTMENT MANAGER, KENYA AND UGANDA (NAIROBI, KENYA)
TwitterLinkedInFacebook

Nel settembre 2004, cinque suore cattoliche si sono riunite a St. Louis, MO con la missione di creare una mostra che dimostra come le suore avevano contribuito a plasmare la storia e la cultura degli Stati Uniti.La mostra che ne è stata laddo, “Women and Spirit: Catholic Sisters in America”, ha fatto un tour negli Stati Uniti tra il 2009 e il 2012, con fermate che includevano lo Smithsonian, Il Notre Dame e il Saint Mary’s College e l’Ellis Island Immigration Museum. Ha testimoniato non solo i molti atti di eroismo compiuto dalle Suore in un arco di quasi 300 anni, ma anche lo Spirito comune che ha spinto queste donne a vivere vite straordinarie, spesso creando oasi di servizio per soddisfare un bisogno pressante in un dato momento nella storia della nazione.

La mostra è stata un omaggio alle donne pionieristiche che hanno contribuito a costruire l’assistenza sanitaria, l’istruzione e i servizi sociali americani in un momento in cui le donne non avevano il diritto di voto. Hanno raccolto fondi per costruire scuole, ospedali, orfanotrofi e college prima della maggior parte delle donne negli Stati Uniti.  potrebbe legalmente possedere proprietà, negoziare contratti o acquisire prestiti. Sono entrate nella forza lavoro decenni prima della maggior parte delle donne, durante la guerra civile, ad esempio, quando più di 600 suore servivano come infermiere. Durante il Movimento per i Diritti Civili degli anni ’60, le suore si unirono a Martin Luther King nelle marce per i diritti di voto a Selma, AL.  

Tra gli standouts c’era la madre Alfred Moses, che aiutò a sviluppare la Mayo Clinic in risposta a un terribile tornado a Rochester, MN nel 1883; Katherine Drexel, che fondò la Xavier University nel 1915, allora l’unica scuola cattolica per afroamericani; e Carolyn Farrell, una sorella che nel 1980 divenne sindaco di Dubuque, IA.Tuttavia, tali pionieri non si trovano solo nei libri di storia e nelle mostre.Lo stesso Spirito che ha ispirato Madre Alfred e Katherine Drexel è vivo e vendo tra molte suore religiose in Africa oggi.Nel corso degli anni, anche loro hanno raccolto fondi per costruire ospedali, cliniche sanitarie, scuole e case per bambini.  

Sorella Veronica Kiarie, LSSF
Gennaio, 2020

Prendiamo, ad esempio, la sorella Veronica Kiarie, sorellina di San Francesco d’Assisi conosciuta dalle sue suore “pollice verde”.  Gestisce una fattoria di medie dimensioni nella città di Molo, in Kenya, un’impresa nata dalla sua passione per sostenere i ministeri sociali della congregazione, nonché per fornire occupazione e acqua potabile alla comunità vicina.   

La congregazione della sorella Veronica è un istituto indigeno di diritto diocesano. Fu fondata nel maggio 1923 in Uganda dalla defunta Madre Maria Kevin Kearney, missionaria francescana per l’Africa, basata sul carisma di San Francesco: “Portare la novità e la pienezza della vita di Cristo nel mondo di oggi raggiungendo con compassione gli emarginati”. Con più di 775 membri professati, le Suore gestiscono ospedali, scuole, strutture sanitarie, orfanotrofi e case per anziani. Il loro lavoro missionario sta crescendo all’interno dei tre paesi dell’Africa orientale del Kenya, dell’Uganda e della Tanzania, nonché negli Stati Uniti.

La sorella Veronica ha sviluppato un business plan per la sua fattoria di piselli dopo aver frequentato un programma di formazione agroalimentare di sei mesi, e ha preso un prestito di 100.000 dollari da Missio Invest nel 2019. La fattoria coltiva piselli da giardino per l’esportazione e ruota le colture di patate e cavoli per il consumo locale. Alcuni dei prodotti agricoli sono utilizzati per integrare le diete dei residenti della casa della congregazione per gli anziani, mentre i profitti della fattoria sono utilizzati per sostenere la gestione dei ministeri sociali della congregazione.L’azienda sostiene direttamente una scuola con 946 studenti, una struttura sanitaria che serve quasi 12.000 pazienti all’anno e una casa per anziani. Suor Veronica ha l’obiettivo di generare maggiori entrate dalla sua fattoria per sostenere e far crescere il lavoro sociale della congregazione.

Come Madre Alfred prima di lei, suor Veronica fornisce soluzioni innovative ai problemi che la comunità è stata chiamata a servire. Ha installato un foro di trivellazione a energia solare nella sua fattoria dopo aver osservato come gli abitanti del villaggio stavano lottando per accedere all’acqua potabile pulita. Ha anche installato un sistema di irrigazione a goccia di cinque acri per la produzione agricola durante tutto l’anno e la conservazione dell’acqua. Utilizza le sue capacità di insegnamento per formare i piccoli agricoltori locali a pratiche agricole sostenibili. Per aumentare la fertilità del suolo, testa il suo suolo per accertare le carenze minerali, utilizza letame organico e ha piantato 2.700 alberi per la conservazione. L’azienda supporta 50 lavoratori.  

La sorella Veronica crea il tempo di fare da mentore alle donne su come gestire le sfide economiche sociali, e gli uomini su come superare la dipendenza da alcol che è comune nella località. Insegna anche Catechismo in una parrocchia vicina.  

Negli ultimi 50 anni, il numero di Suore nelle congregazioni negli Stati Uniti è chiaramente diminuito. Ma in ogni caso, tale riduzione ha poco a che fare con il vigore imprenditoriale delle Suore o delle loro comunità.Le entità della Chiesa africana con cui lavoriamo stanno facendo una traiettoria di crescita simile a quella che ha ispirato le suore immigrate tedesche a Rochester MN a convincere il dottor William Mayo e i suoi figli a creare un ospedale per la comunità locale nel 1889. Lo spirito di quelle religiose è vivo e veio in Africa.  

Benson Agwena COUNTRY INVESTMENT MANAGER (NAIROBI / KAMPALA)
TwitterLinkedInFacebook

La popolazione africana ha appena superato il miliardo e dovrebbe raddoppiare entro il 2050. L’insicurezza alimentare è in rapido aumento allo stesso tempo; L’agricoltura è per lo più alimentata dalla pioggia e altamente vulnerabile a siccità, inondazioni, caldo e freddo estremo, e altre condizioni che stanno diventando più gravi con il cambiamento climatico.

La pratica dell’agricoltura climatica e intelligente (CSA) incorpora una combinazione di politica, tecnologia e finanziamenti volti a mitigare il cambiamento climatico e ad aumentare la produzione alimentare. Missio Invest vede il valore di fare investimenti in imprese agricole che applicano nuove tecnologie per il risparmio di risorse naturali. Fondamentale nell’approccio, anche la necessità di ridurre le disuguaglianze quando si tratta della distribuzione delle risorse.

Nell’Uganda centro-meridionale, la fattoria del Seminario di Katigondo, che ha ricevuto un prestito da Missio Invest nel 2017, è stata in prima linea nell’utilizzo della CSA per portare una produzione alimentare sostenibile e opportunità di generare reddito per sostenere sia il seminario che la comunità circostante al di fuori della città di Masaka. Capo progetto P.Herman ha ricevuto il Best Uganda Best Farmers Award 2019 nell’ambito del Vision Group Competition per l’approccio della fattoria del Seminario all’agricoltura sostenibile.

Il distretto di Masaka ha sofferto di diminuzione delle precipitazioni e prolungati periodi di siccità negli ultimi anni, e il sole cocente e le temperature calde hanno lasciato molte colture e forniture di acqua prosciugate. Come i paesi limitrofi dell’Africa orientale, quest’anno l’Uganda ha sofferto della peggiore epidemia di locuste degli ultimi decenni. Tuttavia, come nella maggior parte dell’Africa subsahariana, l’agricoltura è un importante contributore all’economia del paese e sarà il fattore determinante negli sforzi del paese per ridurre la povertà negli anni a venire, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Contro questo scenario impegnativo, P.Herman ha guidato lo sviluppo della fattoria del Seminario di Katigondo, che è stata avviata nel 1969, in un’impresa diversificata con l’agricoltura, l’orticoltura e l’allevamento degli animali. Il prestito di Missio Invest ha reso possibile per la fattoria di aumentare il suo uso di terreni agricoli disponibili da circa 200 acri a 495 acri, o 90% della sua superficie totale, e aumentare le rese del 100%.

Le strategie climatiche utilizzate dalla fattoria del Seminario includono un sistema di energia solare da 36 kilowatt che fornisce illuminazione al seminario, alla fattoria e alle comunità locali attraverso la vendita di energia in eccesso nella rete. Per la raccolta dell’acqua piovana per l’uso agricolo è stato installato anche un serbatoio sotterraneo di 72.000 litri. Un sistema di tubazioni raccoglie letame liquido dalla casa dei maiali, lo mescola con l’acqua in un serbatoio di capacità di 48.000 litri, quindi dirige l’acqua attraverso trincee scavate nella piantagione di banane di 62 acri. La rete di trincea aiuta a controllare l’erosione del suolo e la deviazione dell’acqua, e raccoglie tre tonnellate di escrementi di suini, bovini e pollame ogni settimana, che diventano fertilizzanti organici per le piantagioni di banane e caffè. La fattoria ha anche piantato 20 acri di alberi, un fattore chiave per preservare l’ambiente e realizzare Fr. Il piano di Herman di avere una fattoria completamente biodinamica.

Padre.Herman ha anche avuto un occhio su come la fattoria può formare i futuri leader che insegneranno tecniche clima-intelligenti in tutto il paese. Molti degli 80-100 seminaristi che si laureano a Katigondo ogni anno vanno a gestire le risorse fondise, e la forza lavoro dell’azienda agricola è cresciuta da 19 braccianti agricoli a 90 dal 2017. Altrettanto importante, le scuole vicine stanno inviando gli studenti alla fattoria per imparare le tecniche CSA.

Questo è anche l’obiettivo di Missio Invest con ogni agroalimentare che finanzia; che i formare gli studenti e i vicini che useranno le loro conoscenze per aiutare a sviluppare altre imprese sostenibili. La tecnologia è importante in agricoltura, ma l’elemento più critico del successo è il capitale umano: le persone prendono decisioni sane su base giornaliera e imparano lezioni che diventano elementi costitutivi per stimolare l’economia locale e combattere gli effetti peggiori del cambiamento climatico nella zona. Oggi, i seminaristi e i dipendenti di Katigondo stanno imparando cosa serve per rendere la produzione alimentare più resiliente contro i capricci del cambiamento climatico, mentre anche l’agricoltura in modo da rigenerare la biodiversità locale e i sistemi naturali.

Finanza per un mondo migliore

Questo campo è obbligatorio

Questo campo è obbligatorio

Si prega di inserire un indirizzo email valido

Grazie! Non vediamo l'ora di essere in contatto