Joelle Birge VICE PRESIDENT, LENDING (NEW YORK, USA)
TwitterLinkedInFacebook

Mentre la crisi del COVID ha colpito tutte le aziende, gli “nuntrepreneurs” ad alto impatto nel portafoglio di Missio Invest sembrano aver trovato una finestra di speranza. Il Missio Invest Social Impact Fund (MISIF) ha attualmente 36 aziende agroalimentari in portafoglio, 13 delle quali sono di proprietà di Sisters, e nessuna di queste piccole imprese ha preso in considerazione le operazioni di chiusura. Per molti, infatti, il business è in piena espansione. La metà di tutti i mutuatari attuali ha subito un’interruzione minima e ha scelto di mantenere i programmi di rimborso dei prestiti originali. Tra i nuntrepreneurs, meno di un terzo ha preso l’offerta di Missio Invest per una moratoria di pagamento COVID-19, e un quarto ha anche effettuato pagamenti anticipati sui loro prestiti.

Missio Invest ha scoperto che questo dare e prendere a lungo termine con le parti interessate della comunità è essenziale per la resilienza delle imprese a guida della Chiesa. Gli investimenti gestiscono vari programmi sociali nella loro località – sanità, istruzione, consulenza femminile e sviluppo dei giovani, per esempio – e come tali sono parte integrante delle comunità che servono. Anche se ogni caso è unico, cinque caratteristiche particolari aiutano a isolare gli investimenti da eventi avversi imprevisti:

In tutto il mondo, COVID-19 ha devastato le catene di approvvigionamento globali, interrotto l’accesso ai mercati e gravemente minacciato – o chiuso – molte piccole imprese. Gli effetti sono stati particolarmente devastanti nei mercati emergenti, dove l’assistenza governativa è meno prontamente disponibile e i blocchi a livello nazionale sono più restrittivi a causa dei fragili sistemi sanitari. A maggio, in un’indagine sulle piccole e crescenti imprese nei mercati emergenti, l’Aspen Network of Development Entrepreneurs (ANDE) ha rilevato che il 47% delle imprese intervistate aveva già temporaneamente chiuso le operazioni e un altro 25% prevedeva di farlo. Le imprese di proprietà femminile sono state tra le più colpite.

Missio Invest Presidente, P. Andrew Small, OMI e l’amministratore delegato Keith Polo in visita alla St. Louis Bautain Farm, Ewulu, Nigeria nel mese di agost
o, 2019Copia, Missio Invest

Una di queste storie di successo di proprietà femminile è la Sisters of Saint Louis Bautain Farm (SSLBF) a Ewulu, Delta State, Nigeria. Missio Invest ha emesso alle Suore di St. Louis un prestito di 70.000 dollari nel dicembre 2019 per finanziare l’espansione delle loro imprese esistenti di lavorazione del pollame, della carne suina e della manioca. Nei mesi successivi, le Suore hanno dimostrato la loro capacità di far resistere a una crisi globale.

Alla fine di marzo 2020, il governo nigeriano ha imposto misure di blocco COVID-19 che limitano la circolazione interstatale delle merci e limitano l’importazione di cibo. Queste norme hanno interrotto le catene di approvvigionamento per alimenti come il pesce, che non potevano più essere trasportati dai porti marittimi agli Stati dell’entroterra. A peggiorare la situazione, Delta State è stato uno dei diversi governi statali che hanno imposto restrizioni alle attività di pesca locali e ridotto le ore per i mercati locali. Il risultato fu un calo dell’offerta in modo che il pesce, un alimento base per molti nigeriani, diventasse proibitivo per la grande popolazione a basso reddito.

Suor Catherine Adelegan, direttrice della Louis Bautain Farm, ha avuto un’idea per una soluzione. Louis-Bautain Farm è un’azienda agroalimentare multi-enterprise, che opera un’unità di pollame con oltre 1.000 polli, un’unità di piantagione e lavorazione di manioca di cinque acri e un’unità di piggery con oltre 500 maiali.Dopo aver fornito una scorta sufficiente di farina di maiale e pollo a livello locale prima della pandemia, la sorella Catherine macellava e vendeva i suoi maiali prima del previsto, salvando dalla fame i membri più vulnerabili della sua comunità. Il risultato fu un vantaggio per tutti: i membri della comunità avevano accesso a proteine a prezzi accessibili, Louis Bautain Farm aveva un reddito per sostenere le cinque strutture sanitarie della congregazione, e suor Catherine aveva abbastanza entrate in eccesso per pagare gli interessi sul suo prestito Missio Invest prima del previsto. Anticipando saggiamente il potenziale per future fluttuazioni valutarie, ha anche scelto di pagare più dell’importo dovuto, con conseguente pre-pagamento del capitale.

Le Suore hanno sviluppato stretti legami con la comunità circostante. Recentemente, quando visitarono l’Obi locale (governatore) della Terra di Ewulu e il suo Consiglio per dire loro che avevano prodotti alimentari da distribuire ai più bisognosi, l’Obi espresse la sua gratitudine per la lunga storia delle Suore nell’assistere il suo popolo e giurò che avrebbe continuato a sostenerli e a garantire la loro sicurezza.

Sorella Catherine SSL prevede di aggiornare i macchinari agric
oli. Copyright, Missio Invest

Questi fattori hanno permesso a molte delle aziende agroalimentari del portafoglio di Missio Invest di resistere alla tempesta COVID-1 9. Investees come suor Catherine e la sua fattoria in Nigeria forniscono la prova vivente che, anche in tempi di crisi, è possibile fare molto bene con pochissimo.

Benson Agwena COUNTRY INVESTMENT MANAGER (NAIROBI / KAMPALA)
TwitterLinkedInFacebook

La popolazione africana ha appena superato il miliardo e dovrebbe raddoppiare entro il 2050. L’insicurezza alimentare è in rapido aumento allo stesso tempo; L’agricoltura è per lo più alimentata dalla pioggia e altamente vulnerabile a siccità, inondazioni, caldo e freddo estremo, e altre condizioni che stanno diventando più gravi con il cambiamento climatico.

La pratica dell’agricoltura climatica e intelligente (CSA) incorpora una combinazione di politica, tecnologia e finanziamenti volti a mitigare il cambiamento climatico e ad aumentare la produzione alimentare. Missio Invest vede il valore di fare investimenti in imprese agricole che applicano nuove tecnologie per il risparmio di risorse naturali. Fondamentale nell’approccio, anche la necessità di ridurre le disuguaglianze quando si tratta della distribuzione delle risorse.

Nell’Uganda centro-meridionale, la fattoria del Seminario di Katigondo, che ha ricevuto un prestito da Missio Invest nel 2017, è stata in prima linea nell’utilizzo della CSA per portare una produzione alimentare sostenibile e opportunità di generare reddito per sostenere sia il seminario che la comunità circostante al di fuori della città di Masaka. Capo progetto P.Herman ha ricevuto il Best Uganda Best Farmers Award 2019 nell’ambito del Vision Group Competition per l’approccio della fattoria del Seminario all’agricoltura sostenibile.

Il distretto di Masaka ha sofferto di diminuzione delle precipitazioni e prolungati periodi di siccità negli ultimi anni, e il sole cocente e le temperature calde hanno lasciato molte colture e forniture di acqua prosciugate. Come i paesi limitrofi dell’Africa orientale, quest’anno l’Uganda ha sofferto della peggiore epidemia di locuste degli ultimi decenni. Tuttavia, come nella maggior parte dell’Africa subsahariana, l’agricoltura è un importante contributore all’economia del paese e sarà il fattore determinante negli sforzi del paese per ridurre la povertà negli anni a venire, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Contro questo scenario impegnativo, P.Herman ha guidato lo sviluppo della fattoria del Seminario di Katigondo, che è stata avviata nel 1969, in un’impresa diversificata con l’agricoltura, l’orticoltura e l’allevamento degli animali. Il prestito di Missio Invest ha reso possibile per la fattoria di aumentare il suo uso di terreni agricoli disponibili da circa 200 acri a 495 acri, o 90% della sua superficie totale, e aumentare le rese del 100%.

Le strategie climatiche utilizzate dalla fattoria del Seminario includono un sistema di energia solare da 36 kilowatt che fornisce illuminazione al seminario, alla fattoria e alle comunità locali attraverso la vendita di energia in eccesso nella rete. Per la raccolta dell’acqua piovana per l’uso agricolo è stato installato anche un serbatoio sotterraneo di 72.000 litri. Un sistema di tubazioni raccoglie letame liquido dalla casa dei maiali, lo mescola con l’acqua in un serbatoio di capacità di 48.000 litri, quindi dirige l’acqua attraverso trincee scavate nella piantagione di banane di 62 acri. La rete di trincea aiuta a controllare l’erosione del suolo e la deviazione dell’acqua, e raccoglie tre tonnellate di escrementi di suini, bovini e pollame ogni settimana, che diventano fertilizzanti organici per le piantagioni di banane e caffè. La fattoria ha anche piantato 20 acri di alberi, un fattore chiave per preservare l’ambiente e realizzare Fr. Il piano di Herman di avere una fattoria completamente biodinamica.

Padre.Herman ha anche avuto un occhio su come la fattoria può formare i futuri leader che insegneranno tecniche clima-intelligenti in tutto il paese. Molti degli 80-100 seminaristi che si laureano a Katigondo ogni anno vanno a gestire le risorse fondise, e la forza lavoro dell’azienda agricola è cresciuta da 19 braccianti agricoli a 90 dal 2017. Altrettanto importante, le scuole vicine stanno inviando gli studenti alla fattoria per imparare le tecniche CSA.

Questo è anche l’obiettivo di Missio Invest con ogni agroalimentare che finanzia; che i formare gli studenti e i vicini che useranno le loro conoscenze per aiutare a sviluppare altre imprese sostenibili. La tecnologia è importante in agricoltura, ma l’elemento più critico del successo è il capitale umano: le persone prendono decisioni sane su base giornaliera e imparano lezioni che diventano elementi costitutivi per stimolare l’economia locale e combattere gli effetti peggiori del cambiamento climatico nella zona. Oggi, i seminaristi e i dipendenti di Katigondo stanno imparando cosa serve per rendere la produzione alimentare più resiliente contro i capricci del cambiamento climatico, mentre anche l’agricoltura in modo da rigenerare la biodiversità locale e i sistemi naturali.

Albertina Muema COUNTRY INVESTMENT MANAGER, KENYA AND UGANDA (NAIROBI, KENYA)
TwitterLinkedInFacebook

Il cambiamento climatico ha effetti sia positivi che negativi sull’agricoltura, nel senso che può aumentare la resa delle colture in alcuni luoghi decimandorne altri, ma gli impatti negativi hanno superato gli impatti positivi fino ad oggi. Il gruppo di ricerca CGIAR sui cambiamenti climatici, l’agricoltura e la sicurezza alimentare stima che il cambiamento climatico abbia ridotto le rese globali del grano del 5,5% e del mais del 3,8%. Entro il 2090, CCAFS prevede che il cambiamento climatico comporterà una perdita dell’8-24% della produzione calorica globale totale da mais, soia, grano, riso. Ladd contro i cambiamenti di produttività variano. Ad esempio, l’Africa subsahariana sarà colpita particolarmente duramente; si stima che in tutta l’Africa i rendimenti del mais scenderanno del 5% e i rendimenti del grano del 17% prima del 2050.

I moderni sistemi di agricoltura commerciale non sono tuttavia senza colpa, poiché l’agricoltura è uno dei principali contributori al cambiamento climatico, che attualmente genera dal 19% al 20% delle emissioni totali di gas a effetto serra (GHG), secondo CCAFS. Con l’obiettivo di integrare lo sviluppo agricolo, la risposta al clima e l’assistenza generale per la nostra casa comune, le aziende agricole della Chiesa cattolica in Africa stanno implementando i principi dell’agricoltura climatica (CSA) definiti dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura. La CSA fornisce un approccio integrato alla gestione dei paesaggi naturali volto a mantenere e aumentare in modo sostenibile la produttività alimentare, adattare l’agricoltura ai cambiamenti climatici e ridurre le emissioni. Missio Invest promuove l’uso sostenibile delle risorse fondisive e investe in aziende agricole di proprietà e gestione della Chiesa che applicano pratiche agricole intelligenti dal punto di vista climatico e fungono da siti dimostrativi per diffondere tali tecnologie.

St. Matthias Mulumba Senior Seminary, un theologate nazionale nel Kenya occidentale con 30 acri di terreno coltivabile, ha ottenuto un prestito di 38.000 dollari da Missio Invest nel 2015 per migliorare le sue attività agricole. Attualmente, il seminario sta praticando l’agricoltura integrata con 15 acri di mais, otto acri di tè e sette acri di alberi e praterie, così come un’unità di latticini e piggery. L’azienda ricicla i rifiuti animali per migliorare la fertilità del suolo, con i pascoli e le praterie che producono mangimi chiave per il bestiame. La produttività del mais è raddoppiata da 10 sacchetti a 20 sacchetti per acro grazie al miglioramento della fecondazione e del ciclo dei nutrienti.

I rifiuti di bestiame vengono anche messi al lavoro per generare biogas, che viene utilizzato come sostituto della legna da ardere in cucina presso il seminario. Il biogas prende un gas metano problematico presente nei rifiuti in decomposizione e lo converte in anidride carbonica, un gas molto più sicuro. Il gas metano ha circa 20-30 volte le capacità di intrappolamento del calore dell’anidride carbonica.I fanghi bio ricchi di sostanze nutritive del digestore del biogas vengono utilizzati per fertilizzare e irrigare l’erba Napier, un’erba tropicale perenne con basso fabbisogno di acqua e nutrienti. L’erba Napier alimenta le mucche da latte e viene utilizzata per controllare l’erosione del suolo. È anche prezioso nella gestione dei parassiti, in quanto attira insetti come falene stemborer dal mais, riducendo così la necessità di insetticidi. La produzione di latte a St. Matthias Mulumba è aumentata da 40 litri a 100 litri in un giorno. Il seminario ha anche installato un sistema di riscaldamento dell’acqua solare e piantato sette acri di alberi.

Un altro esempio è una fattoria di piselli da giardino gestita dalle Piccole Sorelle di San Francesco, sempre in Kenya. Le sorelle hanno ottenuto un prestito di 100.000 dollari da Missio Invest nel 2018 e hanno installato un sistema di irrigazione a goccia a energia solare di cinque acri. Il sistema ha aiutato l’azienda agricola a utilizzare e conservare l’acqua in modo più efficiente. Poiché limita la crescita delle alghe, ha reso possibile ridurre l’uso di erbicidi, che possono essere tossici per gli organismi che vivono nel suolo e trasportare inquinanti nei fiumi vicini. Le suore hanno piantato 2.700 alberi per creare una fattoria biodinamica.

Le fattorie gestite dalla Chiesa come queste mirano a prendersi cura della terra e delle sue creature, portando al contempo pratiche agricole resilienti alle comunità che servono.

Finanza per un mondo migliore

Questo campo è obbligatorio

Questo campo è obbligatorio

Si prega di inserire un indirizzo email valido

Grazie! Non vediamo l'ora di essere in contatto